Super_Abile V- Selene Centro Studi EKODANZA

Selene Centro Studi EKODANZA

#Presenti

TITOLO DEL PROGETTO:

#Presenti!

SETTORE E AREA DI INTERVENTO:

Educazione e promozione culturale, paesaggistica, ambientale, del turismo sostenibile e sociale e dello sport.

DURATA DEL PROGETTO:

12 mesi

OBIETTIVO DEL PROGETTO:

Obiettivo generale del progetto è quello di favorire l’accesso a tre diritti umani fondamentali da parte di tutta la popolazione del territorio metropolitano di Bologna, con un’attenzione specifica alle comunità migranti, alle giovani generazioni, alle donne e alle fasce più vulnerabili:
● il diritto al benessere,
● il diritto all'uguaglianza (declinato nello specifico come diritto a essere tutelati dalle discriminazioni),
● il diritto alla partecipazione.
Tale obiettivo può essere declinato operativamente in obiettivi specifici, a titolo esemplificativo citiamo: sensibilizzare e valorizzare le visioni che promuovano il superamento degli stereotipi di genere, delle discriminazioni, della xenofobia e degli stigmi, promuovere azioni educative per l’inclusione sociale, promuovere la conoscenza reciproca e il dialogo tra culture e religioni,  educare alla pace, educare all’ascolto, favorire la partecipazione, dare continuità ad azioni che riconsegnino la città ai propri abitanti, migliorare la relazione tra popolazione e servizi, offrire opportunità ai giovani.
 

ATTIVITÁ D'IMPIEGO DEGLI OPERATORI VOLONTARI:

L’apporto dei volontari nella lettura dei bisogni dei vari gruppi target cui sono riferite le attività del progetto, e nella risposta creativa e innovativa ad essi, è considerato un aspetto fondamentale nell’offerta delle attività dei diversi enti.
Alcune attività sono comuni a tutte le sedi; a titolo esemplificativo gli operatori volontari saranno invitati a collaborare, in base a capacità e interessi personali, ad attività di:
  • informazione alla comunità (come redazione di articoli per newsletter e/o pubblicazioni periodiche;  preparazione di contenuti per i canali social; riprese ed editing di brevi video per siti web;  registrazione di video interviste o interviste radiofoniche; ideazione di infografiche, cartoline…);
  • realizzazione e gestione di progetti rivolti a giovani e cittadinanza;
  • organizzazione, realizzazione di percorsi formativi per gruppi target/cittadinanza;  
  • organizzazione e partecipazione a eventi;
  • partecipazione a tavoli interistituzionali/gruppi di lavoro per la programmazione delle attività;
  • partecipazione a incontri di gruppo progetto per discutere e confrontarsi sulle tematiche interculturali e per condividere linee guida e buone prassi;
  • partecipazione a specifiche attività che abbiano come focus temi legati all’Unione Europea;
  • realizzazione di laboratori all’interno delle scuole sui temi oggetto del progetto;
  • partecipazione ad attività di ascolto e consulenza rivolti a specifici target.
Oltre alle attività sopra indicate le diverse sedi di progetto propongono inoltre: 
 Comune di Bologna - Centro RiESco /CDLEI
  • corsi di italiano L2 per adulti,
  • iniziative per la giornata mondiale della lingua madre,
  • organizzazione e supporto durante la Scuola Estiva Interculturale,
  • collaborazione alle gestione della biblioteca: prestito, consulenza, catalogazione collocazione,
  • progettazione e costruzione di documentazioni,
  • mappatura dei bisogni e rilevazione della qualità delle iniziative (strumenti per la rilevazione dei bisogni e della
  • valutazione delle attività realizzate).
Comune di Bologna - Pari Opportunità, Tutela delle Differenze, Contrasto alla violenza di genere
  • inserimento nell’attività di U.O. Pari Opportunità, Tutela delle Differenze e Contrasto alla violenza di genere con presentazione del Piano delle azioni comunali;
  • introduzione al rapporto con le realtà pubbliche e private coinvolte nel progetto;
  • collaborazione alla realizzazione di azioni progettuali in collaborazione con le associazioni del territorio;
  • partecipazione alle attività per la realizzazione del Bilancio di genere;
  • partecipazione alle attività pubbliche che si svolgono in diversi momenti dell’anno (eventi, convegni, giornate internazionali dedicate ai diritti delle bambine/ragazze/donne, contro la violenza sulle donne ecc..).
 
Comune di Bologna - Progetto Politiche per i Giovani
  • inserimento nelle redazioni web e video di Flashgiovani.it, per l’implementazione e aggiornamento dei contenuti del portale e i suoi social media con articoli, approfondimenti e prodotti audio-video;
  • collaborazione alle attività dell’Informagiovani Multitasking (organizzazione e promozione di incontri tematici, laboratori e focus group, promozione e diffusione del progetto di cittadinanza attiva youngERcard…);
  • promozione del protagonismo giovanile attraverso la realizzazione di prodotti di informazione e documentazione di progetti, festival, eventi, ecc. proposti da realtà giovanili del territorio metropolitano;
  • presentazione del piano di attività dell'Ufficio Giovani e del programma dei soggiorni di studio all’estero e degli scambi internazionali;
  • presentazione delle attività di rilievo previste durante l’anno: media partnership, eventi, mostre e concorsi;
  • presentazione del contesto istituzionale in cui si inserisce l'Ufficio Giovani e le collaborazioni locali, nazionali e internazionali che ha in attivo;
  • collaborazione alla produzione di contenuti redazionali per il portale regionale Giovazoom;
  • collaborazione alla realizzazione di attività laboratoriali di videomaking rivolte a giovani adolescenti;
  • collaborazione e supporto alle attività laboratoriali professionalizzanti nell’ambito della redazione video di Flashgiovani, coinvolgendo giovani, in particolare NEET.

 

Comune di Bologna - Nuove Cittadinanze, Diritti Umani e Cooperazione
  • inserimento nell’attività dell'Ufficio Nuove Cittadinanze, Diritti Umani e Cooperazione e nelle attività di coordinamento e promozione dell’associazionismo migrante attuate dal Centro Interculturale Zonarelli.
  • supporto e affiancamento all’organizzazione e partecipazione ad azioni promosse dalla Rete metropolitana antidiscriminazioni;
  • supporto e affiancamento all’organizzazione di incontri e definizione di strumenti mirati a promuovere l'accesso della popolazione di origine straniera alle opportunità di partecipazione, co-progettazione e  cittadinanza attiva;
  • collaborazione attiva alla creazione di testi, post, video-pillole e altri materiali di comunicazione per sito web e social media del Centro Interculturale Zonarelli;
  • organizzazione e partecipazione agli incontri mensili di coordinamento della rete di associazioni migranti afferenti al Centro Interculturale Zonarelli e a tavoli di progettazione specifici; redazione dei relativi verbali;
  • affiancamento e supporto agli insegnanti volontari di italiano L2 durante le lezioni di italiano presso il Centro.

 

Pace Adesso Peace Now OdV
  • Progetto “La prevenzione non ha colore”: incontri per prevenzione oncologica con gruppi di donne in Centri di Accoglienza o in associazioni etniche; servizio telefonico informativo e presenza presso gli sportelli immigrati CISL e CGIL su prevenzione oncologica e offerta di opportuni screening. 
  • Servizio Miryam, affiancamento alle professioniste che operano per mamme con difficoltà di allattamento: assistenza durante i colloqui, sostegno ai figli nelle attività laboratoriali delle mamme e incontri su temi della cura.
  • Centro di Ascolto denominato “L’ascolto”: accoglienza e primo ascolto degli utenti per capirne i bisogni affiancando le operatrici, individuare progetto di inclusione, collaborazione con scuola di italiano col metodo Penny Wirton.
  • Emporio Solidale del Comune di Bologna: accoglienza e supporto agli utenti, gestione del magazzino, raccolte alimentari.
  • Attività “Cerchiamo la verità”: ricerche bibliografiche di geopolitica, di siti internet e utilizzo del materiale fornito da Caffè Geopolitico per ideare percorsi formativi da offrire a scuole e comunità.
  • Informazione e pubblicizzazione sul progetto tramite apposito blog ed utilizzo di web radio.

 

Unione dei Comuni Savena-Idice
  • Interventi nelle e per le scuole: realizzazione e gestione di laboratori scolastici nell’ambito di progetti di  informazione e sensibilizzazione: interculturalità, pace e diritti umani, tutela dei beni comuni, educazione ambientale, educazione alla legalità.
  • Collaborazione all’organizzazione di eventi tipo: “Settimana della legalità 2021” e/o eventi sulle tematiche della legalità promossi dall’associazione Libera,  Volontassociate (Festa del volontariato e delle associazioni – edizione di Pianoro), 8 marzo, Giornata Internazionale del Rifugiato...; 
  • Collaborazione alla progettazione dei Campi di volontariato estivi sui terreni confiscati alle mafie e al campo di volontariato estivo in collaborazione con Libera Bologna sulle tematiche della Cittadinanza Attiva e legalità; organizzazione delle attività di restituzione al territorio dell’esperienza;
  • Collaborazione col “Tavolo della Pace di Pianoro”; Organizzazione del torneo “Dai un calcio alle mafie”;
  • Collaborazione alla realizzazione del progetto youngERcard;
  • Supporto al Centro Culturale Giovanile Pianoro Factory e al Centro giovanile Go Villaz di Ozzano dell’Emilia nell’organizzazione di attività rivolte ai giovani sui temi del progetto;
  • Mappatura dei bisogni e rilevazione della qualità delle iniziative realizzate;
  • Partecipazione alle riunioni di programmazione e coordinamento degli enti (incontri di servizio e generali).

 

Selene Centro Studi
  • Affiancamento nelle attività educative nelle scuole durante la conduzione dei laboratori, rivolti a bambini, ragazzi, genitori e docenti e aventi per tema le pratiche del corpo: danza, meditazione, yoga;
  • Attività informativa e diffusione di buone pratiche per contrastare le marginalità di genere, culturali, religiose e sociali durante la realizzazione di laboratori di pratica inclusiva in ambito urbano e periferico della città, rivolto a ragazze e ragazzi di 16-20 anni, per favorire l’aggregazione, la partecipazione attiva, l’esperienza del linguaggio del corpo;
  • Affiancamento nella progettazione, organizzazione e conduzione di laboratori, incontri ed eventi che favoriscano il dialogo tra le generazioni, l’avvicinamento dei cittadini alle istituzioni, il superamento degli stereotipi legati al genere, alle diversità e alle disabilità partendo da concetti di corpo/mondo e di movimento come luogo dell’essere condiviso e trasversale;
  • Partecipazione dei giovani alla vita del terzo settore, organizzazione, realizzazione, e sostegno alla conduzione di attività rivolte all’intera cittadinanza per promuovere il fare creativo giovanile, l’impegno rivolto ai bisogni di una comunità, il lavoro in gruppo e paritario. In particolare i giovani in servizio saranno incentivati a dare il proprio apporto personale nell’ambito della promozione, sia sui canali digitali (social, riviste on line) sia nella diffusione sul territorio delle attività organizzate;
  • collaborazione con le attività proposte al Il Centro di documentazione della Scuola di Pace, che ha rilevanza cittadina e, per certi settori, costituisce un polo unico a livello nazionale, è aperto al pubblico per almeno 20 ore settimanali; la maggior parte dei libri possono essere consultati nelle aule delle biblioteche; una parte dei libri possono essere presi a prestito dagli utenti. Il Centro di documentazione offre un servizio di consulenza bibliografica, rivolto anche agli studenti.
YouNet APS
  • supporto alla pianificazione e implementazione di iniziative e interventi nelle scuole del territorio, in classe e in occasioni dedicate ad hoc ai temi del progetto;
  • supporto nella comunicazione online e offline attraverso scrittura di articoli e post, fotografia, videomaking, preparazione materiali divulgativi per la disseminazione di attività e progetti locali ed europei;
  • supporto alle attività di ricerca e analisi del territorio con relativa implementazione e adattamento delle attività;
  • supporto all’organizzazione di laboratori e tandem linguistici interculturali, anche in rete con altre realtà locali;
  • supporto ad attività di orientamento e promozione delle opportunità per i giovani a livello locale e internazionale.

 

 

SEDI DI SVOLGIMENTO:

 

Sede

Indirizzo

Comune

N° volontari

Comune di Bologna CD/LEI
Centro di documentazione Laboratorio
per un'educazione interculturale
http://www.iperbole.bologna.it/cdlei/servizi/109:5766/48603/

Via Ca' Selvatica 7

Bologna

2

Comune  di Bologna -
entro Interculturale Massimo Zonarelli
http://www.comune.bologna.it/centrozonarelli 

Via Giovanni Antonio Sacco, 14

Bologna

2

Comune di Bologna -
Unità Operativa Pari Opportunità,
Tutela delle differenze,
Contrasto alla violenza di genere
http://www.comune.bologna.it/pariopportunita/servizio_singolo/169:48618/

Piazza Maggiore 6

Bologna

2

Comune di Bologna -
Progetto Politiche per i Giovani
http://www.flashgiovani.it/Servizio-Civile-Flashgiovani-Progetto-Presenti

Piazza Maggiore 6

Bologna

4

Unione Idice Servizio
Politiche Giovanili
https://uvsi.it/2021/01/20/servizio-civile-universale-pubblicato-il-bando-per-la-selezione-degli-operatori/ 

Viale Risorgimento, 1

Pianoro

2

Pace Adesso - Peace Now

Via del Monte, 5

Bologna

4

Selene Centro Studi

Via Pietro Gubellini, 7

Bologna

2

YouNet APS
 https://www.you-net.eu/servizio-civile-universale.html

Via Emilia Ponente 129

Bologna

2


POSTI DISPONIBILI, SERVIZI OFFERTI:

numero posti: 20 senza vitto e alloggio

EVENTUALI PARTICOLARI CONDIZIONI ED OBBLIGHI DI SERVIZIO ED ASPETTI ORGANIZZATIVI:

Il progetto si articola su 5 giorni di servizio a settimana.

Agli operatori volontari in servizio civile selezionati saranno richieste, inoltre:

– disponibilità a partecipare a eventi, iniziative e formazioni fuori sede, anche per più giornate, previste dal progetto;

– partecipazione agli eventi di informazione e sensibilizzazione indicati nelle voci 6) Occasione di  incontro/confronto con i giovani, alla voce 8.a) apporto e azioni comuni e/o integrate e alla voce 10) Attività di informazione del Programma di SC all’interno del quale questo progetto si inserisce;

– disponibilità all’eventuale impegno in giorni festivi e in fasce orarie anche serali per la realizzazione di eventi o di particolari attività;

– disponibilità a trasferimenti e missioni sul territorio per la partecipazione alle attività previste dal Progetto o dal Programma: corsi di formazione, riunioni, sensibilizzazione, attività specifiche dell’ente;

– disponibilità a spostarsi con i mezzi pubblici;

– disponibilità a guidare eventuali mezzi dell’ente di accoglienza;

– disponibilità ad attenersi e rispettare le regole dell’ente di accoglienza;

– la riservatezza sulle informazioni e sui dati acquisiti durante lo svolgimento del servizio, osservando la normativa sulla privacy;

– il rispetto delle norme in materia di igiene, sicurezza e salute sui luoghi di lavoro; 

– la disponibilità a impegnarsi in modalità “da remoto” nel caso intervenissero situazioni di emergenza in cui l’utilizzo di modalità di servizio “a distanza” siano opportunamente disciplinate dal Dipartimento Nazionale del SC (vedi ad es. Emergenza CoronaVirus).

Si potrà, inoltre, chiedere occasionalmente agli operatori volontari di svolgere alcuni incarichi inerenti il progetto in luoghi esterni alle sedi accreditate (incontri nelle scuole, sul territorio, presso le biblioteche, gli uffici comunali ecc., partecipazione a riunioni, meeting e iniziative) e ad altri eventi legati alle attività del progetto: la presenza degli

operatori volontari in questi casi sarà regolata in conformità a quanto previsto al paragrafo 6 “Temporanea modifica della sede di servizio” delle “Disposizioni concernenti la disciplina dei rapporti tra enti e operatori volontari del servizio civile universale” approvato con DPCM del 14 gennaio 2019.

Gli operatori volontari opereranno sempre in affiancamento o con la supervisione dei referenti degli enti.

Qualora, in casi eccezionali, l’operatore volontario dovesse svolgere servizio per un numero di ore maggiori rispetto a quanto previsto dal progetto, l’ente assicura all’operatore stesso il recupero compensativo di tali ore entro il mese successivo, come previsto dalle disposizioni concernenti la disciplina dei rapporti tra enti e operatori volontari del servizio civile universale.

Si ricorda, inoltre, che la formazione è obbligatoria ed essendo organizzata tra più enti coprogettanti si richiede ai giovani in servizio la massima disponibilità a partecipare alla formazione e, se possibile, nelle giornate di formazione, di non prendere giornate di permesso.

Si potrà chiedere, in casi particolari, la disponibilità a usufruire dei giorni di permesso preferibilmente durante i giorni di chiusura della struttura.

In caso di temporanea chiusura della propria sede di progetto dovuta a motivi di tipo organizzativo o di temporanea oggettiva impossibilità, oppure nell’eventualità di forte riduzione delle attività, i giovani operatori volontari potranno, previo accordo, espletare le ore di servizio sia nelle altre sedi di progetto, sia in eventuali altre sedi non accreditate (in conformità a quanto previsto al paragrafo 6 “Temporanea modifica della sede di servizio” delle “Disposizioni concernenti la disciplina dei rapporti tra enti e operatori volontari del servizio civile universale” approvato con DPCM del 14 gennaio 2019).

EVENTUALI REQUISITI RICHIESTI: 

Nessuno

CARATTERISTICHE COMPETENZE ACQUISIBILI:

Le competenze che i giovani in servizio potranno maturare discendono direttamente dalle attività

per loro previste dal progetto. Tali competenze saranno attestate attraverso il rilascio di un

Attestato Specifico da parte del CPIA (Centro Per l’Istruzione degli Adulti) metropolitano di

Bologna, seguendo il percorso di attestazione delle competenze descritto in apposito Accordo

allegato al progetto.

Le competenze sono organizzate in tre categorie:

- Competenze Standard, in linea con quanto richiesto dall’Allegato 6 B (Attestato Specifico)

della Circolare del 9/12/19 “Disposizioni per la redazione la presentazione dei programmi

di intervento di servizio civile universale”

- Competenze Sociali e Civiche, in linea con quanto richiesto dall’Allegato 6 B (Attestato

Specifico) della predetta Circolare del 9/12/19

- Competenze Chiave di Cittadinanza, in linea con l’articolato percorso di Attestazione delle

Competenze attivato e condiviso tra tutti gli enti co-progettanti, basato sull’importanza

della valorizzazione di tali competenze previste nel Decreto Ministeriale n. 139 del 22

47

agosto 2007 del MIUR, che recepisce la Raccomandazione del Parlamento Europeo e del

Consiglio del 18 dicembre 2006 per l'apprendimento permanente (2006/962/CE).

FORMAZIONE GENERALE DEGLI OPERATORI VOLONTARI:

Il percorso di formazione generale viene organizzato dall’Associazione SCUBO (Servizio Civile Universale Bologna) in collaborazione con gli enti di accoglienza associati. Gli incontri di formazione si svolgeranno in diverse sedi e, a seguito dell’emergenza sanitaria, potranno essere svolti tramite l’impiego di piattaforme a distanza. Dura 41 ore e le tematiche riguardano tre macroaree: Valori e Identità del SC, Cittadinanza Attiva e Giovane Volontario nel sistema del SC.

FORMAZIONE SPECIFICA DEGLI OPERATORI VOLONTARI:

Il percorso di formazione sarà articolato in 73 ore (60 sulle tematiche del progetto + 5 sulla sensibilizzazione + 8 sulla sicurezza).

La formazione specifica sarà svolta per almeno il 70% delle ore nei primi 90 giorni dall’avvio del progetto, e per il restante 30% delle ore entro 270 giorni: si predilige tale organizzazione per distribuire la formazione nel tempo in modo da costruire, a partire dall’analisi dei bisogni dei singoli volontari, un’articolazione specifica dei contenuti rispondenti alle esigenze formative che dovessero emergere anche dalla partecipazione diretta alle attività di progetto.

Il modulo di “formazione e informazione sui rischi connessi all’impiego degli operatori volontari in progetti di servizio civile universale” verrà sempre affrontato all’interno di ciascun progetto entro i primi 90 giorni dall’avvio del servizio.

TITOLO DEL PROGRAMMA CUI FA CAPO IL PROGETTO:

OrchestrAzioni

SVOLGIMENTO DI UN PERIODO DI TUTORAGGIO

Durata del periodo di tutoraggio: 3 mesi (gli ultimi 3 mesi del progetto)

Ore dedicate: 26

Tempi, modalità e articolazione oraria:

4 incontri di gruppo (basati su formazione frontale e metodologia non formale - durata: 5 ore l’uno)

2 sessioni individuali (consulenza orientativa sulla programmazione del percorso professionale - durata: 3 ore l’uno)

Attività di tutoraggio:

Gli incontri riguarderanno le seguenti tematiche:

- Autovalutazione delle esperienze pregresse, valutazione della esperienza di servizio civile, analisi delle competenze;

- Laboratori di orientamento alla compilazione del curriculum vitae e tecniche di ricerca attiva del lavoro;

- Attività volte a favorire nell’operatore volontario la conoscenza ed il contatto con il Centro per l’impiego ed i Servizi per il lavoro)

- Presentazione dei diversi servizi e dei canali di accesso al mercato del lavoro, nonché di opportunità formative sia nazionali che europee (nazionali ed europei).